Lunedì 22 Aprile 2024

Quest’anno sulla scena gastronomica viennese spiccano numerosi nuovi ristoranti e bar e numerosi ristoranti e bar che si sono rinnovati o hanno cambiato gestione. Ne diamo conti qui oggi, affidandoci alla guida di Wien Tourismus, l’azienda di promozione turistica della capitale austriaca.

I locali esistenti si preparano al futuro con nuovi concept e/o nuovi nomi. È una fortuna che locali belli come l’ex “Das kleine Paradies” siano fatti rivivere da un nuovo gestore. Il nuovo ristorante del gioiello architettonico si chiama Creo. e offre una cucina raffinata. I menu degustazione vengono serviti nell’antico negozio di macchine da scrivere di epoca imperiale.

Anche l’ex Café Stadtkind, vicino all’Università, punta ora al Fine Dining. Il ristorante Schatz Imhof, che prende il nome dai due gestori, offre una cucina di alto livello che si adatta perfettamente anche agli interni freschi con le famose poltrone Stadthallen di Roland Rainer.

Il Glückskind si è trasferito nell’ex cantina Villon. Il cosiddetto Cocktail-Kitchen-Club si trova a tre piani di profondità nel sottosuolo, in una cantina di circa 500 anni, illuminata con colori vivaci. Mangiare, bere cocktail e poi ballare: tutto questo è possibile al Glückskind.

Novità nel MuseumsQuartier

Molti anni fa gli architetti Anne Lacaton e Jean-Philippe Vassal, vincitori del Premio Pritzker, progettarono un ristorante nel MuseumsQuartier, dove ora si è trasferito il ristorante turco Kaan, che riprende i motivi delle piastrelle del soffitto dell’artista turca Asiye Kolbai-Kafalier.

Sempre nel MuseumsQuartier, il Mumok – Museo di arte moderna, Fondazione Ludwig, ha trovato un nuovo gestore per il suo locale: il caffè-bistrot Food’Amour offre specialità franco-marocchine a base di prodotti biologici o regionali.

Novità nel panorama dei caffè viennesi

Peggy Strobel, ex direttrice del ristorante stellato Mraz & Sohn, ha rilevato l’ex Café Naber nella Wipplingerstraße. L’affascinante locale in stile anni ’50 si chiama ora Die Cafetière. La bontà dei toast, come del gelato artigianale, che si trovano qui si ricollega alla cucina stellata di Mraz.

Anche l’ex Café Maria Treu, nella splendida Piaristenplatz, ha ripreso vita. I gestori dei locali in Ramasuri e Drechsler hanno riaperto il caffè con il nome di Treu am Platzl. Dal punto di vista culinario la protagonista è la colazione, insieme al brunch, e la terrazza è una delle più belle di Vienna.

Il SiL è un nuovo tempio della prima colazione a Vienna. Tempio nel vero senso della parola, perché il locale è molto grande e spazioso. La colazione è servita tutto il giorno e le pietanze sono adatte anche per una merenda tra un pasto e l’altro.

Il leggendario Café Engländer ha aperto una sede a Praterstern. Per questo sono stati rilevati i locali del ristorante Pure, compresi gli interni progettati dallo studio di architettura viennese Kenh. Il ristorante si chiama Engländer Praterstern e serve cucina viennese.

L’Hotel Almanac, situato in un palazzo esclusivo sulla Ringstrasse, è una novità nel panorama alberghiero viennese. Il ristorante dell’hotel Donnersmarkt è incentrato sulla “cucina Plantforward”: Le verdure regionali e di stagione sono in primo piano. La carne e il pesce hanno solo un ruolo secondario. Il nome del ristorante è stato creato in riferimento al costruttore del Palais Hugo Henckel von Donnersmarck e alla tradizione viennese dei mercati settimanali. L’atmosfera è eccellente e vi sono anche un cocktail bar e un caffè.

Il pluripremiato ristorante DiningRuhm, noto per la sua cucina fusion nippo-peruviana, la cosiddetta cucina Nikkei, ha una propaggine nel nuovo ZentRuhm, nel 1. Distretto. L’attenzione si concentra su piatti di tapas internazionali in stile bistrot informale.

Anche l’Aspic si concentra sulle tapas. I piatti del ristorante dal design sobrio sono creativi e anche i cibi fermentati trovano grande impiego. Un classico: pancetta di maiale con kimchi. I piatti sono fatti per essere condivisi, cosa particolarmente apprezzata dalle nuove generazioni.

Anche il fiorente Kutschkermarkt, nel 18. distretto, ha aggiunto un nuovo ristorante al panorama viennese. Il Kutsch si considera un classico ristorante del mercato, dove si cucinano i prodotti freschi che arrivano direttamente dal mercato.

Fine Dining

Di recente è stato inaugurato un nuovo ristorante di Fine-Dining: porta il nome del suo top chef Stefan Doubek (Restaurant Doubek), che lavora ai fornelli sviluppati appositamente per lui, alimentati a legna. Il ristorante ha solo otto tavoli e l’interior design è opera dello studio viennese Riebenbauer.

Anche lo Steinhart, situato in un vecchio edificio in mattoni, dove un tempo si trovava la Gösserhalle, si concentra la sera sul Fine Dining. Un’interessante nuova apertura nell’area di sviluppo urbano “Neues Landgut”.

Focus sulla cucina viennese

Die Feinkosterei am Judenplatz è un ristorante di tapas specializzato in cucina austriaca e viennese. Ora c’è anche una filiale nel Neuer Markt, con una nuova fisionomia. Ideale per chi desidera scoprire la varietà della cucina viennese.

Anche Servus si concentra sulla cucina viennese. Lo chef si concentra sui prodotti regionali, per cui il menu comprende anche le lumache viennesi della Gugumuck Schneckenmanufaktur.

Mete per escursioni

Nel distretto esterno viennese di Mauer è risorta una locanda tradizionale. I locali dell’ex Schwammerlwirt sono stati ammodernati e ristrutturati e la trattoria è ora gestita con il nome Das Prost, con un’ottima cucina viennese. I 124 anni di storia si sentono ancora.

L’Häuserl am Roan è sempre stata una rinomata Gasthaus per escursioni sulla Höhenstraße di Vienna. Ora una giovane coppia ha rilevato e riaperto il locale con il nome di Am Roan. La ristrutturazione è riuscita molto bene e dall’estate scorsa gli ospiti possono gustare una cucina austriaca e viennese di alta qualità, in gran parte biologica. Inclusa la migliore vista su Vienna.

Al Marina Wien, il porto locale per yacht e motoscafi sul Danubio, è arrivato un nuovo concept gastronomico. Il Maya Garden è sia un ristorante che un beach club. Il Maya Garden è arredato in stile boho. Raggiungerlo è comodo, basta arrivare alla fermata della metropolitana U2 Donaumarina. L’atmosfera mediterranea è garantita dalle terrazze affacciate sull’acqua, con vista sul Danubio in tutto il suo splendore.

Cultura “Heurigen” moderna

Ci sono anche nuovi Heurigen e Buschenschanken, anche se non sempre nel modo in cui li conoscete. Hertz & Seele, una moderna Heuriger cittadina, ha aperto sullo Spittelberg con cocktail e dj set, oltre al cibo. Lo Jausenbrettl si trova anche in versione vegana e i tavolini sullo Spittelberg sono un successo.

Il Wein[:Garten:] è un nuovo Buschenschank a Stammersdorf, una zona Heurigen molto popolare tra i viennesi. Quattro persone provenienti da settori trasversali e produttori amatoriali di vino hanno realizzato qui il proprio sogno. Al vino vengono abbinate ottime tartine rustiche.

Chiosco dei Würstel Reloaded

Il primo chiosco dei Würstel biologico certificato di Vienna nell’8. distretto ha ricevuto un fratello, presso lo snodo delle metropolitane U4/U6 di Spittelau. Il Wiener Würstelstand è tutt’altro che ordinario. L’hot dog chiamato Bologna Wü, ad esempio, è accompagnato da salsiccia al finocchietto fritta, rucola e tapenade di olive. I prodotti fatti a mano sono di altissimo livello. La vicinanza a locali come Grelle Forelle o il Werk garantisce una grande affluenza, soprattutto nelle ore serali. E, poiché non ci sono zone residenziali qui intorno, i dj possono anche animare il chiosco dei Würstel senza problemi.

Anche l’Extrawürstel della Taborstraße punta su un assortimento di alta qualità (in alcuni casi si serve degli stessi fornitori del chiosco dei Würstel Wiener) e offre anche specialità come il Kimchi Bosna. Il menu prevede anche opzioni vegetariane e vegane.

E c’è anche un’entusiasmante novità sulla scena dei bar viennesi da segnalare. Marco Pani è uno dei baristi più noti di Vienna e quest’anno ha aperto il suo Bar Pani. Il suo drink caratteristico, il Thai Massage, è consigliatissimo.

Pigalle è un cocktail bar di ispirazione francese su due piani. Il rosso e il velluto in abbondanza vogliono ricordare l’omonimo quartiere a luci rosse di Parigi. Anche il menu è francese: dal crémant ai nomi dei cocktail francesi, fino al tipico Bar Food.

Guida all’orientamento

Come orientarsi sulla mappa di Vienna per ritracciare i locali di cui abbiamo parlato? Ecco qui i loro indirizzi e i siti web: Creo, Blindengasse 3, www.creo.restaurant. Schatz Imhof, Universitätsstraße 11, www.schatzimhof.at. Glückskind, Habsburgergasse 4, www.dasglueckskind.at. Kaan, MuseumsQuartier/Museumsplatz 1, www.mqw.at/infoticketsshop/essen-trinken. Food’Amour im mumok, MuseumsQuartier/Museumsplatz 1, www.mqw.at/infoticketsshop/essen-trinken. Die Cafetière, Wipplingerstraße 25, www.diecafetiere.wien. Treu am Platzl, Piaristengasse 52, www.treu-wien.at. SiL, Babenbergerstraße 5, www.sil.wien. Engländer Praterstern, Praterstern 9, www.cafe-englaender.com. Donnersmarkt, Parkring 16, www.donnersmarkt.com. ZentRuhm, Schreyvogelgasse 4/6, www.zentruhm.at. Aspic, Garnisongasse 10, www.aspic.at. Kutsch, Kutschkergasse 15/Ecke Schopenhauerstraße, www.kutsch.at. Restaurant Doubek, Kochgasse 13, www.restaurantdoubek.at. Steinhart, Erika-Krenn- Promenade 15, www.dassteinhart.at. Die Feinkosterei, Judenplatz 7, www.feinkosterei.wien. Servus, Hohenstaufengasse 1, www.servus-restaurant.at. Das Prost, Speisinger Str. 224, www.dasprost.at. Am Roan, Häuserl am Roan 58, www.am-roan.at. Maya Garden, Handelskai 343, 1020 Vienna, www.maya.garden. Hertz & Seele, Kirchberggasse 7, www.hertzundseele.com. Der Wein[:Garten:], Senderstraße 19, www.instagram.com/derweingarten. Wiener Würstelstand, Stazione U-Bahn Spittelau, Josef-Holaubek-Platz, www.wienerwue.at. Extrawürstel, Taborstraße 38, www.instagram.com/extra_wurstel. Bar Pani, Roßauer Lände 41, www.barpani.com. Pigalle, Praterstraße 9, pigalle-wien.com

[Contributo di Wien Tourismus]

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.