Domenica 25 Febbraio 2024

20.05.24 Vienna, Steirereck nello StadtparkAl centro dei più bei parchi di Vienna ci sono locali con una stupenda vista sul verde. Dal 15 maggio è possibile di nuovo sedersi piacevolmente ai loro tavoli.

Il modo migliore per godersi l’atmosfera speciale dei parchi di Vienna è un buon pasto accompagnato da un bicchiere di vino o anche un caffè e un dolce. Al Palmenhaus nei giardini del Burggarten ad esempio. Quella che un tempo era una serra sul lato posteriore della Hofburg, il palazzo imperiale, è una delle più belle costruzioni in acciaio e vetro dell’epoca dello Jugendstil. All’interno si sta seduti tra piante esotiche degustando le specialità della cucina o si sorseggia un cocktail al bar. D’estate la terrazza offre una vista impareggiabile sui giardini del Burggarten. I tavolini sono molto ambiti.

Nei giardini dello Stadtpark si trova lo Steirereck, ristorante pluristellato. Il nome significa letteralmente “angolo stiriano”. Non si tratta solamente di uno dei migliori ristoranti del mondo, ma anche di un locale molto apprezzato per la sua bellezza. Lo studio di architetti Ppag ha aperto il ristorante verso lo Stadtpark. Il parco si riflette nelle facciate esterne in metallo, quando il tempo è bello le finestre vengono rialzate e si ha l’impressione di stare seduti in mezzo al verde. A rendere la cucina dello Steirereck così particolare sono le nuove interpretazioni di antiche ricette e l’utilizzo di ingredienti locali ormai quasi dimenticati. Dal ristorante Johann al Kursalon ci si può godere la vista sullo Stadtpark nell’altra direzione; qui si punta sulla cucina viennese in un ambiente storico. Dalla terrazza si può persino ammirare il monumento a Johann Strauss, il re del valzer viennese.

Ci si può far viziare con specialità culinarie anche ai giardini dell’Augarten, il più antico giardino barocco di Vienna. Nel castello, oltre alla Manifattura di Porcellane Augarten, si trova anche il caffè-ristorante Sperling, dal quale si gode la vista sul parco straripante di fiori e sugli ampi viali. Se si capita al momento giusto, si può avere anche la fortuna di ascoltare sulla terrazza i Piccoli Cantori di Vienna impegnati nelle prove nella loro residenza, che si trova nello stesso giardino.

Il Volksgarten Pavillon, adagiato nell’omonimo parco, è aperto dalla primavera all’autunno. Il padiglione e le sue terrazze sono un’oasi verde con tanto di ruscelletto nel centro della città e sono stati allestiti negli anni Cinquanta dall’architetto Oswald Haerdtl. Di giorno qui ci si può godere la tranquillità, mentre alla sera il Volksgarten Pavillon è un animato punto d’incontro del mondo in di Vienna che offre barbecue e dj alla consolle.

Un po’ nascosto nel parco della Reggia di Schönbrunn si trova la Landtmann’s Jausen Station. Dove un tempo giocavano i bambini degli imperatori, ora sorge un grazioso padiglione di un bianco splendente. All’esterno le sedie variopinte creano degli accenti colorati. Lontani dal rumore della città qui ci si rilassa nel mezzo di pittoreschi roseti e aiuole, godendosi la vista sulla Reggia di Schönbrunn. Il nome “Jausenstation” che significa “luogo di sosta per la merenda” va preso alla lettera: qui si viene per fare merenda. L’offerta prevede caffè, dolci fatti in casa, il cosiddetto Kaiserschmarren, la stracciata imperiale, panini e la tipica Brettljause, un tagliere di formaggi e pancetta.

Una gita alla Riserva naturale Lainzer Tiergarten è una bella esperienza nella natura per tutta la famiglia. Qui si trovava un tempo una riserva di caccia imperiale. Oggi è una riserva naturale di 2.500 ettari, in cui vivono in libertà cinghiali, caprioli e cervi. Nella speranza di trattenere più a lungo a Vienna la consorte Elisabetta, cosi amante dei viaggi, l’imperatore Francesco Giuseppe fece qui costruire la Hermes-villa da uno dei celebri architetti della Ringstrasse, Carl von Hasenauer. Non ebbe molto successo. Oggi il Wien Museum presenta nella Hermesvilla una rassegna che illustra la storia della villa e presenta alcune camere originali di “Sisi” (gli austriaci non usano la doppia “s” nel nome), una delle quali fu allestita da Gustav Klimt. Il ristorante Hermes all’interno della villa propone cucina viennese con specialità a base di selvaggina. Favolosa è la terrazza con vista sul bosco.

[Contributo di Susanne Kapeller, Wien Tourismus]

Per conoscere l’indirizzo, gli orari di apertura, i programmi, l’offerta culinaria e altri dettagli dei ristoranti e dei locali menzionati sopra, diamo qui i loro indirizzi web: Brasserie Palmenhaus (Serra delle palme), Burggarten 1, www.palmenhaus.at; Steirereck nello Stadtpark, Am Heumarkt 2a, www.steirereck.at; “Das Johann”, ristorante al Kursalon, Johannesgasse 33, www.restaurantjohann.at; Sperling all’Augarten, Obere Augartenstraße 1, https://www.sperling.wien; Volksgarten Pavillon, Burgring/Heldenplatz, www.volksgarten-pavillon.at; Landtmann’s Jausen Station, Schlosspark Schönbrunn, www.landtmann-jausenstation.at; Hermes Café Restaurant Labstelle, Hermesvilla / Lainzer Tiergarten, www.hermes-villa.at.

NELLA FOTO, lo Steirereck nello Stadtpark di Vienna. Il ristorante, progettato dallo studio di architetti Ppag, dà l’impressione agli ospiti di trovarsi seduti in mezzo al verde.

__________________

Austria Vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.

Lascia un commento