Sabato 20 Aprile 2024

Si ricomincia da tre. Sono tre infatti le località sciistiche della Carinzia che per prime domani (sabato 2 dicembre) metteranno in movimento seggiovie e cabinovie. Tra queste non c’è ancora Pramollo, che lunedì prossimo, tuttavia, presenterà le sue offerte per l’inverno 2023-2024 in una conferenza stampa al Là di Moret di Udine.

Le prime tre alla linea di partenza sono Turracher Höhe, Katschberg e Gerlitzen Alpe. Le prime due sono piuttosto lontane per uno sciatore pendolare italiano, mentre Gerlitzen è a due passi da Villaco e vi si può giungere rapidamente, perché l’autostrada arriva fin quasi al parcheggio dell’impianto di arroccamento, che sale dal fondovalle all’area delle piste.

Le previsioni meteo non sono rassicuranti. Il servizio meteorologico annuncia piogge abbondanti nella notte tra oggi e domani. Tanto abbondanti che il Verbund (corrisponde al nostro Enel) ha già abbassato il livello dei bacini idroelettrici lungo la Drava, perché possano trattenere l’acqua in eccesso nelle ore di più intense precipitazioni. Domani però la temperatura dovrebbe scendere e pertanto la pioggia diventerà neve.

Il problema pioggia non dovrebbe riguardare la Turracher Höhe, che si trova a 1600 metri di quota e dove si scia già da mercoledì sulla seggiovia appena inaugurata del Wildkopf. Domani saranno in funzione anche gli impianti del Zirbenwand e del Kornock.

Al Katschberg saranno in funzione domani quattro impianti, cui se ne aggiungerà un quinto il 7 dicembre, vigilia dell’Immacolata. Anche il Katschberg si trova a 1600 metri di altitudine, sopra la prima delle due gallerie lunghe dell’autostrada dei Tauri, per cui le condizioni di innevamento sono assicurate.

Quattro impianti in funzione domani anche alla Gerlitzen Alpe, più la telecabina di arroccamento, che incomincerà a trasportare i passeggeri già dalle 8.10. Sia qui che negli altri due poli sciistici nella giornata inaugurale, in cui non tutti gli impianti saranno agibili e non tutte le piste preparate, lo skipass sarà venduto a tariffe scontate.

La prossima settimana, invece, si metteranno in movimento quasi tutti i poli sciistici del Land. Oltre a Pramollo, anche Bad Kleinkirchheim, già il 7 dicembre. L’8, festa dell’Immacolata, sarà anche la volta di alcuni centri minori: Flattnitz, Klippitztörl, Koralpe e Petzen. Sabato 9 dicembre sarà la volta di Hochrindl e Saualpe. Per Goldeck, Heiligenblut e Dreiländereck, si dovrà attendere la metà di dicembre, ma le date non sono ancora state annunciate e su alcune di esse incombe un grande punto interrogativo, perché per ragioni di costi e ricavi potrebbero addirittura rinunciare alla stagione invernale e lasciare gli impianti fermi.

Quanto a Pramollo, ne sapremo di più lunedì, dall’annunciata conferenza stampa. L’incertezza regna sovrana, come si evince anche dal sito web, dove la data di inizio della stagione non appare da nessuna parte. Sappiamo che dovrebbe essere il 7 dicembre, ma per cautela non è stata fatta ancora alcuna comunicazione ufficiale.

NELLA FOTO, l’Almenresort Nassfeld della Riedergarten GmbH, in corso di costruzione immediatamente al di là del confine italiano (la foto è di martedì scorso). Già il 4 settembre 2021 lo avevamo definito un ecomostro, perché è un investimento di pura speculazione edilizia. Al di là dell’aspetto progettuale (si tratta di veri e propri condomini di quattro piani, impropriamente definiti “chalet”, forse perché rivestiti di legno già degradato prima ancora che i lavori siano finiti, in cui sono stati ricavati 422 posti letto; quando gli inquilini si affacceranno al loro balcone non vedranno le abetaie di Nassfeld e i monti delle Carniche, ma la facciata del condominio vis-à-vis, come se fossero rimasti in città), al di là dell’aspetto progettuale, dicevamo, vi è quello prettamente turistico. È legittimo che anche in montagna, con le dovute maniere, si costruiscano nuove strutture ricettive, per aumentare l’offerta di posti letto. Ma costruire hotel e residences, che vengono occupati a rotazione dagli ospiti, è un conto. Costruire condomini da vendere a privati, che li useranno sì e no un paio di settimane all’anno, è un altro. La cementificazione vuota di Sella Nevea e Piancavallo dovrebbe aver insegnato qualcosa.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.