Sabato 13 Luglio 2024

21.04.12 Foresta Egelsee (Millstaetter See, f. Susanne-Einzenberger) - CopiaPercorrere a piedi in più giorni oltre 200 chilometri senza quasi mai uscire dal bosco. Il profumo degli alberi, il silenzio, le mani che toccano la corteccia ruvida o sfiorano il muschio, morbido come velluto: l’impatto dei nostri sensi con la natura hanno un effetto ristoratore sul corpo e sull’anima.

È quanto ci propone il “trail della lince”, un trekking appena concepito dagli operatori ambientali e turistici austriaci. Una proposta sportiva che promette un’immersione completa nella natura.

Gli escursionisti sanno di che cosa parliamo: tra foresta e prati, laghi e ruscelli, molte preoccupazioni si allontanano e svaniscono nel nulla. Ci sentiamo rafforzati dalla natura, come una nuova fonte di benessere e di energia. Che gli alberi ci restituiscano benessere e buon umore non è una semplice impressione, ma è provato in modo scientifico. Essi infatti assorbono l’anidride carbonica e rilasciano ossigeno, sono quindi dei perfetti purificatori d’aria, e non solo: l’aria della foresta contiene particelle vegetali che hanno un effetto positivo sul corpo umano.

Il primo respiro profondo che facciamo quando entriamo in un bosco è particolarmente liberatorio: a seconda della stagione, possiamo percepire tutta una gamma di profumi. Dalla terra umida in primavera alla resina in estate, dalle foglie aromatiche in autunno alla fresca “aria di neve” in inverno. L’interazione di tutti i sensi ci stimola piacevolmente negli spazi aperti. Molto diverso dallo stare davanti a uno schermo, dove certi sensi sono come “spenti”. Da due a tre ore nella foresta, invece, provocano un aumento del 50 per cento delle cellule naturali che proteggono il corpo dai cambiamenti dannosi per la salute.

Il sospiro di sollievo nella foresta è la forma più pura del relax: gli ormoni dello stress si riducono, le difese del corpo si rafforzano, la pressione sanguigna si abbassa e il sistema nervoso parasimpatico – che stimola la quiete e assicura la rigenerazione – si attiva. Ciò che si legge come una diagnosi medica ha un background provato, come spiega il dottor Erwin Thoma, grande esperto di foreste e direttore di un centro di ricerca a Goldegg nel Salisburghese: «Chi vive nelle città spesso non ha la possibilità di allontanarsi dagli impatti negativi, come lo stress da luce o da rumore».

La risposta è rilassarsi nella natura, preferibilmente nella foresta: la purezza dell’aria e il silenzio sono un toccasana per le persone stressate. «Ma soprattutto le sostanze biochimiche che gli alberi si scambiano tra loro sono un vero elisir di vita per noi umani”, sostiene ancora Thoma. Tra le altre cose, queste sostanze messaggere servono per allontanare parassiti, funghi e batteri. Quando camminiamo nella foresta, assorbiamo queste sostanze – conosciute come terpeni – attraverso il nostro respiro o la nostra pelle. Tutti coloro che amano la foresta conoscono fin troppo bene questo effetto: una sensazione di benessere, che rilassa e fornisce energia.

Gli appassionati escursionisti nella natura possono ora vivere il fascino delle foreste lungo il nuovo itinerario di trekking “Luchstrail” (“trail della lince”), che collega in 11 tappe tre aree naturali riconosciute a livello internazionale: il Parco nazionale Kalkalpen, il Parco nazionale Gesäuse e la selva di Dürrenstein. L’itinerario non collega soltanto queste tre regioni, ma attraversa anche l’area boschiva continuativa più estesa dell’Austria, la patria delle linci.

Quasi estinto in Europa, questo timido felino ha ritrovato qui il suo habitat. Percorrere il trail della lince è una dichiarazione d‘amore: alle foreste, alla biodiversità, alle aree selvatiche. Perché, come scrisse l’esploratore francese Sylvain Tesson, «l’apparizione di un animale è la più bella ricompensa che la vita possa offrire all’amore per la vita».

Gli impressionanti faggeti delle zone protette sono state dichiarate dall’Unesco il primo patrimonio naturale in Austria.

Chi vuole conoscere meglio il “trail della lince”, può consultare il sito web https://luchstrail.at/en/, dove sono disponibili informazioni dettagliate sulle singole tappe, con lunghezze e dislivelli e una mappa interattiva che consente di esplorare l’intero percorso. Il sito è in in lingua tedesca e in lingua inglese.

[Contributo di Österreich Werbung]

 

NELLA FOTO di Susanne Eizenberger, la foresta nei pressi del lago Egel, non lontano dal Millstätter See.

_______________

Austria Vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.

 

Lascia un commento