Mercoledì 22 Maggio 2024

22.05.26 Arnold Pucher - CopiaÈ morto Arnold Pucher (nella foto), il pioniere di Pramollo-Nassfeld. Aveva 83 anni e da qualche tempo una subdola malattia aveva incrinato la sua vitalità e lo spirito battagliero con cui aveva saputo creare dal nulla il polo sciistico di Pramollo, fino a farlo diventare uno dei 10 più importanti dell’Austria. Lui non era uomo di montagna. Era nato a St. Michael am Zollfeld, dalle parti di Klagenfurt. Nel 1962, a soli 22 anni, aveva messo piede a Pramollo, dove a quei tempi la neve si misurava in metri e non in centimetri, e aveva intuito che quella sarebbe stata la zona ideale per tentare l’avventura nel campo del turismo invernale.

A quel tempo a Pramollo non c’era elettricità, non c’era acqua corrente, non c’erano telefoni, non c’era nulla. Soltanto una strada dissestata che saliva al passo e scendeva poi sul versante italiano fino a Pontebba. Pucher vi trascinò su un motore a scoppio recuperato da una vecchia Volkswagen e con quello fece muovere un rudimentale skilift di 150 metri. Fu l’inizio di una crescita durata mezzo secolo, che fa di Pramollo oggi un polo sciistico con 30 impianti di risalita e 110 chilometri di piste, assistite tutte da impianti di innevamento artificiale.

L’ultimo progetto importante di Pucher risale al 2000: la realizzazione del Millennium Express, la telecabina che sale a Pramollo dal fondovalle austriaco, risparmiando agli sciatori la salita al passo in auto. Fu un investimento lungimirante, perché fece beneficiare anche la valle dello sviluppo del polo. In pochi anni nella Gailtal sono sorti alberghi e residences e le presenze turistiche si sono più che triplicate.

È ciò che Pucher contava di realizzare anche sul versante italiano, con il collegamento a fune da Pontebba. Ma, come è noto, il progetto, coltivato per una trentina d’anni, non è andato a buon fine, per l’ostilità di alcune forze politiche locali e per l’assenza delle garanzie che la Regione, pur favorevole all’operazione, richiedeva.

La notizia della morte del “Nassfeld Kaiser” (in Carinzia era soprannominato così: “l’imperatore di Pramollo”) si è subito diffusa anche a Pontebba, di cui Pucher era cittadino onorario. Il sindaco Ivan Buzzi ha espresso il suo cordoglio alla famiglia. “Arnold – ha scritto – ha tracciato un importante via di sviluppo economico per l’intera vallata. Con il nostro Comune ha sempre intrattenuto rapporti cordiali e costruttivi, volti a creare le condizioni di crescita economica e sviluppo anche del nostro territorio”.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.

 

Lascia un commento