Martedì 23 Aprile 2024

La montagna ha voluto ieri altre due vittime. O forse la montagna non c’entra nulla. Sono le due vittime che hanno scelto di mettere a repentaglio la propria vita, affrontando la Nordwandkessel del Traunstein, quando le condizioni di innevamento e ambientali suggerivano insistentemente di rinviare l’ascensione a tempi migliori. I due compagni di avventura, rispettivamente di 32 e 26 anni, hanno tentato la salita sabato e sono stati travolti da una valanga. Oggi sono stati recuperati i loro corpi senza vita.

Il Traunstein è un monte di soli 1.691 metri (poco più alto del Matajur, per intenderci), ma nella zona del Salzkammergut (Alta Austria) in cui si trova, con rilievi montuosi mediamente bassi, la sua è un’altezza di tutto rispetto. Per questo viene soprannominato “der Wächter des Salzkammergutes”, “il guardiano del Salzkammergut”.

Rispetto ai monti circostanti si impone per le sue dimensioni e d’estate è frequentato quotidianamente da frotte di escursionisti, essendo la sua vetta facilmente raggiungibile da più versanti. D’inverno le cose cambiano, naturalmente, anche in un inverno così avaro di neve come questo. Gli alpinisti messisi in marcia ieri non hanno scelto una delle vie facili, ma la Nordwandkessel, che d’estate non presenta eccessive difficoltà (è considerata un’arrampicata di 2° grado), ma d’inverno naturalmente si fa più impegnativa.

Ieri, alle difficoltà tecniche si sono sommate difficoltà oggettive rappresentate dalla neve caduta di recente, che si era posata su roccia già in gran parte ricoperta da vetrato. Le probabilità che da quella parete si staccassero delle valanghe, scivolando sul vetrato, erano molto elevate. È quel che è accaduto, purtroppo. Quando e dove i due alpinisti siano stati travolti lo si ignora, perché la tragedia non ha avuto testimoni.

Verso le 19 la compagna del più giovane ha incominciato a preoccuparsi per il mancato rientro e ha dato l’allarme. È subito partita una squadra di soccorso della stazione di Gmunden assieme a una squadra della Polizia alpina, per setacciare la zona. Contemporaneamente si sono mossi un elicottero dotato di videocamera a raggi infrarossi, un pilota di drone e la centrale operativa mobile della Direzione di polizia dell’Alta Austria.

Alle 2 di notte le ricerche sono state sospese, anche perché nel frattempo uno degli uomini del soccorso alpino di Gmunden era stato investito a sua volta da un banco di neve. Sono riprese questa mattina, alle 8. Nel primo pomeriggio è stata recuperata la salma dell’alpinista di 32 anni e poco dopo anche quella del suo compagno.

NELLA FOTO, tratta dal sito web “Bergaufbergab” si vede il monte Traunstein. La via di salita per la “Nordwandkessel” è tracciata in rosso.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina