Domenica 25 Febbraio 2024

Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei. La versione 2.0 del proverbio utilizza per dire “chi sei” non chi frequenti, ma le parole che hai più ricercato in Google. Insomma, la tua personalità (il termine che si userebbe oggi è “il tuo profilo”) non dipende dalle persone che frequenti, ma dagli interessi che manifesti rovistando in rete con Google e di cui il grande fratello tiene inesorabilmente conto.

In Austria le ricerche in Google con parole chiave hanno superato nel 2023 il miliardo. Il gestore austriaco del motore di ricerca ne ha dato conto, segnalando non le parole più cliccate (non avrebbe senso, per esempio, sapere quanti hanno cercato parole di significato generale o generico, come previsioni meteo o tasso di inflazione), ma quelle che hanno registrato un maggiore numero di clic rispetto all’anno precedente.

Dominic Thiem in testa ai primi “dieci austriaci dell’anno”

L’analisi dei risultati offerta da Google Austria distingue in categorie, come abbiamo letto anche in Italia. Per esempio, i “dieci austriaci dell’anno” sono, nell’ordine, il tennista Domic Thiem per il quale il 2023 non è stato un anno particolarmente felice; il cantante rap (di madre italiana) Raf Camora, di cui in giugno è stato pubblicato il suo sesto album, in vetta alle classifiche in Austria, Germania e Svizzera; Sebastian Ofner, lui pure tennista, che per la prima volta dopo anni con problemi fisici ha ripreso a vincere, risalendo dal 193. alla 37. posizione nella classifica mondiale.

 Seguono Toni Gabalier, imprenditore, fratello del più noto cantante pop Andreas, del cui legame sentimentale con la cantante pop carinziana Melissa Naschenweng ha ampiamente e lungamente riferito la stampa rosa; Andreas Babler, eletto lo scorso anno segretario politico dell’Spö (Partito socialdemocratico); Amira Pocher, austriaca di Klagenfurt (di padre egiziano, scomparso da casa quando lei aveva 3 anni), divenuta molto nota in tempi recenti come conduttrice di programmi per emittenti televisive tedesche (ma di lei si è parlato molto lo scorso anno soprattutto per il divorzio dal marito); Richard Lugner, il vetusto imprenditore dell’edilizia viennese, di cui si parla molto ogni anno per le illustri (e altrettanto vetuste) ospiti sul suo palco al Ballo dell’Opera (questa sera avrà accanto a sé la vedova di Elvis Presley, Priscilla); Hans Peter Doskozil, governatore socialdemocratico del Burgenland e competitore del succitato Babler al congresso nazionale del partito; Missy May, cantante e attrice, nota soprattutto con il nomignolo di “Fräulein Mai”, che lo scorso anno ha fatto parlare di sé avendo vinto il concorso televisivo “Dancing Stars” (corrisponde al nostro “Ballando con le stelle”).

Non poteva mancare l’immobiliarista René Benko

Al decimo posto dei clic di Google troviamo René Benko, forse l’austriaco più noto anche in Italia. È l’immobiliarista a centro di una catena di fallimenti da oltre 10 miliardi, il più grande crac finanziario della storia austriaca. La bomba è scoppiata all’inizio di quest’anno, ma se ne parlava molto già nel 2023.

Nella categoria “Aufreger” (episodi scandalosi o che suscitano reazioni) troviamo in testa Till Lindemann, “frontman” della rock-band Rammstein, accusato di violenze sessuali. Secondo nella lista è Florian Teichtmeister, uno degli attori più apprezzati del Burgtheater, condannato per la produzione di archivi digitali con immagini di abusi sessuali nei confronti di bambini. Al terzo posto si colloca un American Staffordshire Terrier: non è un uomo, ma un cane di questa razza, che in ottobre ha sbranato una ragazza dell’Alta Austria, mentre faceva jogging.

All’ottavo posto degli “Aufreger” troviamo un video del cancelliere Karl Nehammer, registrato a sua insaputa a una riunione di dirigenti del partito, nel quale esprime discutibili valutazioni sull’”indigenza infantile” e sulle donne che preferirebbero il lavoro part-time. Sempre di contenuto politico anche il decimo “Aufreger”: è la consultazione dei quasi 150 mila iscritti all’Spö, che aveva indicato Doskozil quale futuro segretario del partito, consultazione contraddetta poi dal congresso, nel quale 609 delegati avevano preferito il suo avversario Babler.

Hamas, Gaza, Medio Oriente, Ucraina i temi internazionali più cliccati

Per quanto riguarda i temi internazionali, l’analisi delle ricerche in Google non differisce molto in Austria dall’Italia. Gli argomenti più ricercati riguardano la crisi in Medio Oriente, Hamas, Gaza, che precedono quest’anno l’Ucraina (nel 2022 al primo posto), il gruppo Wagner.

Una sezione delle ricerche in Google risponde alla domanda “che cos’è”. Qui le domande più frequenti degli austriaci sono state: che cos’è la striscia di Gaza, che cos’è un kibbuz, che cos’è Hamas, che cos’è un marxista.

NELLE FOTO, dall’alto in basso, Dominic Thiem, Raf Camora, Sebastian Ofner e Amira Pocher.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina