Sabato 20 Aprile 2024

Un’altra tegola sulla testa di René Benko. Il suo impero immobiliare si sta rivelando un castello di carte e ora il suo artefice rischia di pagarne il conto anche sul piano penale. La Procura di Stato di Monaco lo sta indagando per il sospetto di riciclaggio di denaro. L’inchiesta è in corso da novembre, ma solo oggi ne ha dato notizia la Bild Zeitung tedesca. Si tratterebbe di un giro di denaro per alcune centinaia di milioni movimentati tra le varie società della holding di Benko, in modo da farne perdere le tracce. Per evadere il fisco? Per nasconderne la provenienza? Per ora si possono fare soltanto ipotesi, poiché gli inquirenti di Monaco hanno la bocca cucita.

Nel frattempo la dichiarazione di insolvenza privata chiesta da Benko al Tribunale di Innsbruck non è stata accolta e si è tramutata in una dichiarazione di fallimento. L’imprenditore, in difficoltà a saldare alcuni conti (debiti con il fisco per 2 milioni e con la procedura di autogestione delle sue società per le quali erano richieste garanzie per 3 milioni), aveva chiesto ai giudici un provvedimento che gli avrebbe consentito di risanare i suoi conti. Tuttavia non aveva presentato alcun piano. Da ciò il rigetto della richiesta di insolvenza e la dichiarazione di fallimento.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina