Sabato 20 Aprile 2024

Il sistema sanitario austriaco è in difficoltà a causa della carenza di personale e del sovraccarico di lavoro di chi è rimasto “sul fronte”. I casi di errori nelle terapie sono pertanto frequenti. A volte capita di applicare la terapia sbagliata (ne avevamo riferito in questo blog il 27 giugno scorso), a volte di applicare la terapia giusta, ma al paziente sbagliato.

È quel che è accaduto di recente nel Salzammergut Klinikum di Bad Ischl, la località turistica del Salzkammergut nota per essere stata la residenza estiva abituale dell’imperatore Francesco Giuseppe, che proprio qui firmò la fatale dichiarazione di guerra alla Serbia nel 1914.

A fine agosto a un ricoverato di 73 anni di questo ospedale è stato somministrato un antidolorifico che era destinato invece ad un altro paziente. Lo scambio di persona era stato determinato dal fatto che il paziente era stato trasferito temporaneamente da una camera a un’altra e i sanitari non se n’erano accorti. Per essi, evidentemente, le terapie erano collegate con i letti e non con le persone ammalate che ci stavano sopra.

Quando si erano accorti dello scambio di persona, avevano cercato di correre ai ripari, sottoponendo lo sventurato ospite a una rianimazione e trasferendolo nel reparto di terapia intensiva, dove era stato tenuto costantemente sotto osservazione. Dopo 5 giorni era deceduto.

Le cause del decesso devono ancora essere determinate. Forse, data l’età e le condizioni fisiche, sarebbe morto comunque, anche senza l’errore commesso dal personale. Sia come sia, la direzione del “Klinikum” ha presentato un esposto alla Procura di Stato di Wels, che ha ordinato l’autopsia della vittima. In attesa che si pronunci l’autorità giudiziaria, la direzione del “Klinikum” non ha preso provvedimenti nei confronti del suo personale distratto. Si confida almeno che abbia raccomandato a tutti di guardare in faccia gli ospiti, e non soltanto la targhetta sul letto.

NELLA FOTO, l’ingresso del Salzammergut Klinikum di Bad Ischl.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.