Domenica 14 Aprile 2024

C’è molta attesa per le elezioni del 10 marzo nei 119 Comuni del Salisburghese, che rieleggeranno i loro consigli e i loro sindaci. C’è molta attesa soprattutto a Salisburgo, città capoluogo, dove molto probabilmente il candidato del Partito comunista (Kpö), Kay-Michael Dankl, avrà i voti per andare al ballottaggio, come è già accaduto a Graz.

Ma non in tutti i Comuni c’è la stessa curiosità di sapere a chi daranno il voto i cittadini elettori. Almeno in 31 di essi non avranno scelta, perché il candidato alla poltrona di sindaco è uno solo e quindi è certo fin d’ora che sarà eletto (o rieletto). Non ci sono concorrenti.

Il fenomeno segnala l’esistenza di un problema che in Austria si aggrava di anno in anno: i sindaci sono diventati merce rara. Sono sempre meno le persone disposte ad assumersi la responsabilità di guidare un Comune, per mille ragioni, che anche i sindaci italiani conoscono: troppe responsabilità, troppi adempimenti burocratici, troppi impegni a tutte le ore del giorno e tutti i giorni della settimana. Il sindaco è il personaggio pubblico più vicino ai cittadini e, soprattutto nei piccoli Comuni, è quello a cui ci si rivolge per ogni esigenza grande o piccola che sia.

Nel Salisburghese sappiamo già chi saranno i sindaci di 31 Comuni su 119. Ma la situazione non è migliore negli altri Länder. Se le amministrazioni locali non si sono ancora inceppate lo si deve solo al fatto che qui, a differenza che in Italia, non esiste un limite di mandati. Molti sindaci, così, rimangono in carica per quattro, cinque o più mandati e a volte si ricandidano per spirito di sacrificio, perché vedono che non ci sono altri candidati a farsi avanti.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina