Martedì 23 Aprile 2024

Tutti gli uomini sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri. Se George Orwell vivesse ai giorni nostri e avesse messo su casa in Carinzia, probabilmente avrebbe potuto riferirsi con questa geniale frase a un ufficiale di alto rango della Polizia carinziana, che risiede nella valle del Gail, dalle parti di Hermagor.

Sul personaggio è in corso un’indagine, per l’ipotesi di reato di abuso di potere. L’alto ufficiale, infatti, avrebbe approfittato del suo grado, per far collocare la colonnina di un autovelox in vicinanza della sua casa, lungo la strada della Gailtal B 111, dove vige il limite di velocità di 70 chilometri all’ora. Non si tratta di un rilevatore nuovo, acquistato appositamente per lui: l’impianto esisteva già, ma era collocato più distante. L’alto ufficiale, invece, lo ha voluto vicino a sé, per assicurarsi che davanti a casa sua tutti gli automobilisti, intimoriti dalla vista dell’impianto, rispettassero il limite di velocità.

Sarebbe stato personalmente il poliziotto, nel settembre scorso, a dare disposizioni a un tecnico del servizio strade del Land, per spostare l’autovelox, senza interpellare l’autorità mandamentale, competente in questa materia. Anzi, la stessa autorità, venuta a conoscenza del fatto, aveva accertato due cose: lo spostamento era stato effettuato senza autorizzazione e la nova collocazione non rispettava in alcun modo i criteri previsti per l’installazione di rilevatori di velocità.

La valle del Gail non è la val Padana. Gli abitanti sono pochi e quando accadono fatti del genere immediatamente tutti ne parlano. Ne parlano tanto che la Direzione di Polizia del Land, presso la quale l’alto ufficiale presta servizio, non ha potuto far finta di nulla. E, poiché sarebbe stato difficile per i poliziotti del posto svolgere serenamente gli accertamenti necessari che coinvolgevano un loro superiore, la patata bollente è stata passata al Bundesamt für Korruptionsprävention und Korruptionsbekämpfung (Bak), l’ufficio federale per la prevenzione e il contrasto alla corruzione, che sta a Vienna.

Sono passati quattro mesi e ora un rapporto è stato inviato alla Procura di Stato di Graz, che ha aperto un fascicolo per abuso di potere. Anche la scelta della Procura di Graz, anziché di Klagenfurt, sembrerebbe dovuta alla necessità di assicurare un’indagine giudiziaria non condizionata dall’alto grado dell’ufficiale chiamato in causa. Insomma, la macchina della giustizia si è messa in moto, senza guardare in faccia nessuno.

Se Orwell vivesse ai giorni nostri e avesse messo su casa in Carinzia potrebbe almeno questa volta concludere che tutti gli uomini sono davvero uguali e nessuno è più uguale degli altri.

NELLA FOTO, l’autovelox incriminato lungo la Gailstrasse B 111, all’altezza della sede dei vigili del fuoco di Förolach.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina