Mercoledì 28 Febbraio 2024

22.05.10 Kaerntner Landesjugendchor - CopiaL’associazione culturale Via Iulia Augusta è già al lavoro per preparare la sua “Estate culturale”, l’annuale ciclo di concerti in diverse località della valle del Gail, con la partecipazione di musicisti e di complessi provenienti da aree diverse dall’Italia e del Centro Europa. La prossima edizione si terrà tra l’8 luglio e il 20 agosto e si spera possa essere un gradito ritorno alla “normalità”, dopo due estati non normali, a causa della pandemia.

In attesa di conoscere i dettagli del programma (che quest’anno vedrà anche una “trasferta” al di qua del confine, a Zuglio), l’associazione Via Iulia Augusta ci offrirà un preassaggio domenica prossima, nella Stadtsaal di Hermagor, dove si potrà godere di un gioello della musica barocca, frutto di collaborazione transfrontaliera nel settore della cultura.

Si ritroveranno il Kärntner Landesjugendchor Barockensemble, preparato da Bernhard Wolfsgruber, e il Coro del Friuli Venezia Giulia, preparato da Cristiano Dell’Oste, per dialogare in doppio coro e doppia orchestra, con il prezioso apporto dell’Orchestra San Marco di Pordenone. Il programma è interamente dedicato alle musiche sacre di Vivaldi e Bach. Per questa sfida è stato chiamato il direttore italiano Marco Berrini, che vanta un curriculum di assoluto prestigio.

Con questo eccezionale concerto entra nel vivo il progetto “In Cammino-Reisewege”, progetto transfrontaliero finanziato dal programma Interreg e ideato e organizzato da quattro partner:  il Coro del Friuli Venezia Giulia, la Fondazione Luigi Bon, il Comune di Malborghetto-Valbruna e Via Iulia Augusta.

Nato come idea di condivisione in un cammino ideale, lungo le nostre valli, dove i manoscritti sono certamente transitati per arrivare nelle mani dei compositori d’Oltralpe, Bach in primis, che da Vivaldi e i veneziani coevi ha preso ispirazione, orchestrando con il gusto suo. Un cammino rivissuto attraverso l’immaginario, con le dinamiche dei nostri tempi, una lenta ricerca degli spazi dove poter rivivere quella stagione musicale e umana, viva di scambi culturali. Sul solco di quelle antiche esperienze si sono fin qui ritrovati molti soggetti, cori, orchestre, direttori, musicologi, studiosi, relatori e gli operatori culturali dell’area interessata, in un “cammino”, per alcuni appuntamenti finanche reali con gli artisti impegnati, a raggiungere luoghi ameni e meno battuti dai percorsi canonici del concertismo. Ancora vivo il ricordo del concerto presso le rovine di Oberdrauburg, integrato nella rassegna Via Iulia Augusta Konzertsommer 2021, dove gli organizzatori sono riusciti a portare in cima alla collina 4 clavicembali e un’orchestra per un concerto ricco di fascino.

Entra nel vivo perché in questo concerto la filosofia e gli obiettivi del progetto trovano l’espressione più alta. Nella Stadtsaal di Hermagor, domenica 15 maggio, dialogheranno il doppio coro con il prezioso apporto dell’Orchestra barocca San Marco di Pordenone, in un programma interamente dedicato alle musiche di Vivaldi e Bach. Si potrà ascoltare, a entrata libera, il maestoso Dixit Dominus RV 594 di Vivaldi e il Mottetto Komm Jesu Komm BWV 229 di J.S. Bach.

[Contributo dell’associazione culturale Via Iulia Augusta]

 

NELLA FOTO, il Kärntner Landesjugendcohr, durante una recente esibizione.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.

 

 

Lascia un commento