Sabato 20 Aprile 2024

Un serial killer si aggira di notte per Vienna, colpendo i senzatetto che trova sulla sua strada o che va di proposito a cercare negli angoli più bui e appartati. È questa l’ipotesi più plausibile, secondo la polizia, dopo una serie di brutali episodi, che hanno visto come vittime i diseredati della nostra società. Tre soltanto nell’ultimo mese.

L’aggressione più recente è avvenuta lungo l’Hernalser Gürtel, il lato occidentale di quell’importante anello viario che abbraccia il centro storico di Vienna, più esterno rispetto al Ring. Un senzatetto di 55 anni è stato ritrovato esanime, con ferite multiple e pugnalate in varie parti del corpo. È stato sottoposto d’urgenza a un intervento chirurgico, che si spera gli abbia salvato la vita. Ma non è ancora in grado di parlare, per cui gli inquirenti non hanno potuto interrogarlo.

Dopo questo episodio la Polizia criminale di Vienna si è convinta di trovarsi di fronte a un criminale seriale, non solo perché le vittime sono tutte disperati senzatetto, ma anche perché le modalità dell’aggressione e gli orari sono gli stessi.

Il primo caso risale al 12 luglio. Un uomo di 56 anni è stato pugnalato mortalmente lungo l’Handelskai (la sponda destra del Danubio), nel quartiere di Brigittenau. L’episodio è avvenuto presumibilmente durante la notte, ma il corpo della vittima è stato trovato per caso soltanto alle 7.40, da qualcuno che passava nella zona.

Soltanto 10 giorni dopo il secondo episodio: il 22 luglio una donna di 51 anni è stata gravemente ferita a coltellate, mentre dormiva. Fortunatamente è sopravvissuta all’aggressione e ha potuto fornire agli inquirenti informazioni sull’ora (intorno alle 3.40) e sul feritore, un uomo. I dettagli riferiti dalla donna avrebbero consolidato l’ipotesi degli inquirenti di trovarsi di fronte a un unico responsabile di tutte aggressioni.

Mentre sono in corso le indagini, la polizia ha rafforzato i servizi di vigilanza notturna, soprattutto nelle zone della città dove la presenza di senzatetto è maggiore, tra i quali è palpabile l’ansia di essere le prossime vittime. C’è molta preoccupazione anche tra gli operatori di strada della Caritas e di altre organizzazioni di assistenza, che operano a stretto contatto con i senzatetto, fornendo loro cibo e coperte per proteggersi nella notte. Prima d’ora, infatti, non era mai accaduto che queste persone, che vivono ai margini della società, fossero minacciate da qualcuno.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.