Giovedì 29 Febbraio 2024

Dopo la prima guerra mondiale tutti gli interventi a Vienna erano rivolti alla ricostruzione. Gli alloggi scarseggiavano. Nei quartieri periferici la gente viveva in insediamenti costruiti abusivamente, dove regnavano il freddo e le malattie. Alle prime elezioni libere del Consiglio comunale di Vienna, nel maggio 1919, il Partito operaio socialdemocratico ottenne la maggioranza assoluta dei voti e dei mandati e nacque così quella che poi fu chiamata la “Vienna Rossa”. “Un giorno queste pietre parleranno per noi”, affermò il 12 ottobre 1930 a Heiligenstadt il sindaco Karl Seitz, in occasione dell’inaugurazione del Karl Marx Hof, dedicato al teorico del comunismo.

Si contrastarono così indigenza e povertà con efficaci politiche socialdemocratiche e soprattutto furono presi provvedimenti edilizi visibili fino ad oggi. Negli anni successivi il Comune di Vienna fece realizzare più di 64.000 abitazioni, per assegnarle poi in base a un sistema di punti. Il denaro proveniva da un’imposta sui salari e dalla tassa sulla casa introdotta nel 1923.

I lavoratori si trasferirono in complessi abitativi progettati con attenzione alla praticità, dotati di riscaldamento, giardini, spazio sufficiente e accesso a strutture culturali e all’assistenza medica. In molti edifici municipali, che ancora oggi caratterizzano il paesaggio urbano, si notano splendidi dettagli e significativi elementi stilistici dello Jugendstil e del movimento del Bauhaus. Costruzioni di rilievo come il complesso Karl Marx Hof, il più lungo complesso residenziale ininterrotto in Europa, ma anche lo stabilimento balneare Amalienbad, un gioiello dello Jugendstil nel quartiere operaio di Favoriten, sono note in tutto il mondo. Numerosi architetti coinvolti nella progettazione erano studenti di Otto Wagner.

Alcuni indirizzi che meritano una visita:

Heiligenstädter Strasse 82-92, Karl Marx Hof (www.wien.info/it/giro-turistico-a-vienna/vienna-rossa/gli-edifici-di-edilizia-pubblica-più-importanti-di-vienna-359244https://dasrotewien-waschsalon.at/karl-marx-hof)

Reumannplatz 23, Amalienbad (stabilimento blneare),  www.wien.gv.at/freizeit/baeder/uebersicht/hallenbaeder/amalienbad.html

Rotes Wien (Vienna Rossawww.wien.info/it/giro-turistico-a-vienna/vienna-rossa/i-100-anni-della-vienna-rossa-337604

[Contributo di Wien Tourismus]

NELLA FOTO, il complesso residenziale Karl Marx Hof, lungo oltre un chilometro, inaugurato nel 1930 nel quartiere di Döbling.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.

Lascia un commento