Martedì 23 Aprile 2024

La nostra vita quotidiana è ormai monopolizzata da internet e dai social media, a cui dedichiamo forse troppo tempo. Ma il gusto per la lettura non è venuto meno. Non è venuto meno il piacere di prendere in mano un libro, di sfogliarne le pagine, di lasciarci coinvolgere da ciò che racconta. La prova? L’esistenza a Vienna di un gruppo di italiani, che si riunisce mensilmente all’Istituto italiano di cultura, per discutere di libri che hanno letto o che leggeranno. Non si tratta di un’iniziativa calata dall’alto, ma di un gruppo spontaneo, che ha solo chiesto e ottenuto ospitalità al nostro Istituto di cultura.

All’inizio si poteva presumere che fosse un’iniziativa estemporanea, di quelle che nascono e muoiono poco tempo dopo. Invece non è andata così. Il gruppo è in vita da 10 anni e non dà segni di invecchiamento. Ce lo ha fatto ricordare Paolo Manganiello, origini trentine, a Vienna dal 2004, gestore del sito web QuiVienna e attuale presidente del Comites. Manganiello è stato uno degli organizzatori del Club di Lettura (il gruppo si chiama così) e oggi, dieci anni dopo la sua nascita, ha pubblicato un post sulla sua pagina Facebook, che pubblichiamo qui sotto.

* * *

Abbiamo festeggiato ieri con un incontro speciale i dieci anni del Club di Lettura, l’incontro mensile presso l’Istituto Italiano di Cultura di Vienna, dove discutiamo di libri e letteratura. Sembra incredibile che sia passato già tutto questo tempo dall’inizio di questo progetto, e mi fa piacere ricordarne qui gli inizi.

Tutto nacque il 7 marzo 2013, quando nella Sala della Biblioteca si svolse un incontro insieme alla direttrice di allora dell’Istituto, Clara Bencivenga, dove ero presente io, Giorgia Boscolo, Simona Di Loreto, Alessandra d’Intino e Paolo Federico. Le portammo una “lettera aperta” con proposte per nuovi progetti raccolte nella comunità italiana di Vienna, tra cui quella di creare un Club di Lettura. La direttrice si mostrò subito interessata e ci mise a disposizione la sala una volta al mese, lasciandoci libertà di gestire il tutto in maniera autonoma.

Il primo vero incontro si svolse il 9 aprile 2013, dove si parlò del libro “Vivo altrove” di Claudia Cucchiarato. Il primo anno venne scelto il tema del “Vivere altrove” come filo conduttore, il secondo quello delle “Città italiane”. Dal terzo poi si passò alla formula che continua ancora adesso con “Vi presento un libro”. Da quella prima riunione sono stati svolti ben 110 incontri, dove sono stati discussi 95 tra autori e autrici, con romanzi, saggi, raccolte di narrativa e di poesia, anche di fumetti.

Nel frattempo la direttrice Bencivenga ha concluso il suo mandato, come anche il direttore Fabrizio Iurlano, e ora l’Istituto è gestito dal direttore Nicola Locatelli, ma il nostro Club di Lettura continua con le sue attività.

Non è possibile quantificare quante persone hanno preso parte agli incontri, ma sono state moltissime: qualcuno c’è ancora fin dalle prime riunioni, qualcuno è andato via e poi è tornato e molti altri si sono invece aggiunti nel corso degli anni. Ogni incontro è stato speciale a modo suo, abbiamo parlato di noi, di Vienna, dell’Italia, e si sono create anche delle belle amicizie.

La vita di molti di noi in questi dieci anni è sicuramente cambiata, ma mi fa piacere che il Club di Lettura sia rimasto ancora un appuntamento fisso e mi auguro che lo possa essere per almeno altrettanti anni.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.

Lascia un commento