Mercoledì 22 Maggio 2024

Arlberg_Skigebiet__c_Arlberg_Marketing_GmbH__Christoph_Schoech - CopiaLa classificazione a comprensorio sciistico numero uno in Austria e al quinto posto nel mondo rappresenta per la regione dell’Arlberg il risultato di una passione condivisa fra cinque località: Lech, Zürs, Stuben, St. Christoph e St. Anton am Arlberg, unite dall’entusiasmo per gli sport invernali e l’offerta di qualità senza compromessi.

Per gli appassionati di sci c’è il massimo del comfort e in totale ci sono ora 88 impianti di risalita che rendono percorribili 305 chilometri di piste da sci segnalate (fino allo scorso anno venivano indicati 350 chilometri, ma si vede che hanno rifatto meglio i conti). E poi ci sono chilometri e chilometri di discese fuori pista. Inoltre, la varietà di piste in ogni livello di difficoltà, gli impianti di risalita moderni, l’ottima qualità della gastronomia e i leggendari après ski fanno dell’Arlberg una meta senza eguali per tutti gli appassionati più esigenti dello sport bianco.

Come ha fatto l’Arlberg a diventare l’eldorado dello sci? In primo luogo grazie alle particolari condizioni climatiche. Correnti da est e da ovest si scaricano con forti precipitazioni sui pendii. Dal 1946/47 la quantità media di neve misurata annualmente è di 9 metri. Il paesaggio è uno dei più nevosi delle Alpi, la stagione sciistica dura quindi più a lungo. Da novembre a maggio la neve avvolge le montagne e, grazie all’altitudine privilegiata compresa tra 1.300 e 2.800 metri, l’innevamento è ampiamente garantito. Fino a primavera inoltrata gli sciatori si divertono sui pendii di neve farinosa e di firn su entrambi i versanti del passo.

La naturale abbondanza di neve, finché dura, è un colpo di fortuna. Anche per la qualità che giustifica la fama mondiale dell’Arlberg quale resort sciistico unico: con i suoi 200 chilometri di discese fuori pista e settimane e camp di freeride si svolgono regolarmente in tutto l’Arlberg. Zürs, inoltre, vanta un’importanza unica, perché è l’unica località austriaca ad offrire un eliporto per il servizio di eliski.

Ma indipendentemente da questa esclusiva: il fascino delle varianti unisce amanti dello sci e dello snowboard provenienti da ogni angolo del mondo e indipendentemente dallo status sociale. Persone da oltre 50 nazioni, non necessariamente vip (che pure frequentano in gran numero l’Arlberg), cercano la traccia perfetta nella neve. I veri esperti della tecnica powder poi osano avventurarsi sulla leggendaria pista del versante nord del Valluga con i suoi 40 gradi di pendenza o sul Langer Zug, una pista che presenta una pendenza dell’80%. Per arrivare a questi livelli, ovviamente, conviene affidarsi ai maestri delle scuole di sci.

Altre informazioni sul comprensorio, che si estende a cavallo tra il Vorarlberg e il Tirolo, si possono trovare nel situo web www.arblerg.net

[Contributo di Österreich Werbung, foto di Christoph Schoech]

_____________________

Austria Vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.

 

Lascia un commento