Sabato 20 Aprile 2024

Alloggiare a Vienna in quello che un tempo era un teatro? O piuttosto in un palazzo classico? Nella capitale austriaca continuano a sorgere nuovi hotel. Lungo la Ringstrasse hanno aperto tre che si distinguono per la loro insolita offerta. Ma anche nel quartiere trendy di Mariahilf e in quello di Landstrasse non mancano i progetti alberghieri inusuali.

The Amauris Vienna: bello come una farfalla

In febbraio ha aperto in una posizione prestigiosissima sulla Ringstrasse il nuovo hotel boutique di lusso The Amauris Vienna, che si distingue per la sua attenzione all’arte (ne avevamo già dato notizia qui il 28 aprile). È la prima sede viennese dell’associazione di hotel e ristoranti di lusso Relais & Chateaux, un gruppo di hotel e ristoranti a sé stanti, che propongono una curatissima cucina e un servizio impeccabile. Il nome Amauris si ispira a una specie di farfalla, che brilla nei colori bianco e nero ed è nota per la sua eleganza.

Non c’è da stupirsi dunque che l’allestimento sia lussuoso e raffinato. L’hotel, in cui dominano legno e marmo, comprende 62 unità abitative, di cui 17 suite. Per realizzare l’Amauris Vienna sono state utilizzate 160 tonnellate di marmo. Ideale anche l’ubicazione: a pochi minuti a piedi dall’Opera di Stato e dal Musikverein.

Uno dei numerosi punti di forza dell’hotel è la gastronomia. Al ristorante Glasswing si punta su tradizionali piatti viennesi interpretati in chiave contemporanea. Creano un’atmosfera suggestiva le opere d’arte originali della collezione privata della famiglia di proprietari dell’hotel. Ma anche nelle camere, oltre al raffinato arredamento, attende gli ospiti una selezione di opere d’arte, in linea con il motto dell’hotel: “Explore Beauty”.

The Amauris Vienna, Kärntner Ring 8, www.theamauris.com

Almanac Palais Vienna: l’atmosfera di un palazzo di lusso

Dalla metà di marzo l’Almanac Palais Vienna, seconda sede della catena Almanac dopo Barcellona, propone ai suoi ospiti lungo il tratto Parkring della Ringstrasse tutto un ventaglio di superlativi. Qui il moderno design si coniuga al passato imperiale della città. Per realizzare l’hotel sono stati adattati con estrema cura due palazzi adiacenti: il Palais Henkel von Donnersmarck e il Palais Leitenberger, entrambi ultimati nel 1872 durante il periodo di massimo splendore della Ringstrasse. L’Almanac Palais Vienna comprende 80 suite e 31 camere, molte delle quali con vista diretta sui verdeggianti giardini dello Stadtpark. Magnifici lampadari, preziosi dettagli architettonici e arazzi creano un’atmosfera speciale, che sottolinea il carattere di Vienna, un importante centro dell’arte e della cultura.

Anche il ristorante dell’hotel, il Donnersmarkt, punta su elementi inusuali e propone uno stile culinario particolare, centrato sugli ingredienti di origine vegetale: in primo piano sono gli ortaggi regionali e stagionali, carne e pesce sono considerati un delizioso contorno. Al centro del ristorante un lungo tavolo invita a cimentarsi nella nuova formula trendy della condivisione e convivialità.

L’Almanac Palais Vienna è naturalmente anche una fantastica sede per incontri e conferenze di tutti i tipi. In totale ci sono dieci spazi dedicati a meeting ed eventi, dotati delle tecnologie più moderne. Il fiore all’occhiello dell’hotel è l’atrio con il suo tetto in vetro, che può ospitare convegni e feste per ben 150 persone.

Almanac Palais Vienna, Parkring 14-16, www.almanachotels.com/vienna

O11 Boutique hotel: costruito sulla musica

A pochi passi dall’Opera di Stato e dagli storici giardini del Burggarten ha aperto nell’autunno dello scorso anno l’O11 Boutique hotel. Qui, lungo il tratto Opernring della Ringstrasse, si può vivere nel modo migliore la città in un moderno hotel. L’O11 Boutique hotel dispone di 52 camere e suite allestite lussuosamente, che promettono un’esperienza viennese veramente speciale. I principali materiali utilizzati sono legno, marmo e tessuti.

La “President Suite” in particolare, oltre ad essere veramente straordinaria, è il luogo perfetto per gli appassionati di musica: la suite è dotata di un impianto audio che comprende persino una consolle per dj. La musica rappresenta infatti il nucleo centrale dell’hotel: nel seminterrato si trova il club Heidi, un locale progettato in stile chalet e rivolto soprattutto a coloro che apprezzano gli spumanti pregiati. All’interno dell’hotel sono esposte anche numerose opere d’arte, a conferma del fatto che Vienna è un centro nevralgico del panorama culturale europeo. Nelle immediate vicinanze dell’hotel si trovano prestigiosi musei e sale espositive, tra cui l’Albertina.

O11 Boutique hotel, Opernring 11, www.o11-hotel.com

Urbanauts Studios Fillgrader: alloggi teatrali

Alloggiare in un quello che un tempo era un teatro? Dal giugno agli Urbanauts Studios Fillgrader è possibile. L’edificio situato nel quartiere di Mariahilf un tempo ospitava il teatro Interkulttheater. Ora qui si può scegliere tra 14 appartamenti di tre diverse metrature (Cozy Studio 25 metri quadri, Comfy Studio 30 metri quadri e Spacy Studio 35 metri quadri). Sono disponibili sia monolocali a un piano che maisonette. L’ambiente è accogliente, gli arredi senza tempo e le attrezzature ottime. Tutti gli appartamenti dispongono anche di un piccolo angolo cottura.

Per arredare gli Urbanauts Studios Fillgrader si è tenuto conto dell’originaria funzione del palazzo. Oggetti teatrali decorano ad esempio i corridoi, che richiamano a loro volta le quinte di un teatro. Nelle camere si trovano accessori tipici per professioni teatrali tra cui scarpe e scarpette da ballo o manoscritti di registi. Il luogo ideale per un weekend teatrale a Vienna.

Urbanauts Studios Fillgrader, Fillgradergasse 16, www.urbanauts-studios.com

Moxy Vienna City East – Alla scoperta dell’est di Vienna

Con il Moxy Vienna City East il Gruppo Marriott aprirà in questi giorni la seconda sede viennese del suo giovane marchio di boutique hotel urbani. Un primo Moxy Hotel, infatti, c’è già all’aeroporto di Vienna. I Moxy Hotels sono noti per il loro allestimento trendy. Lo Zeitgeist qui è di casa e questo si riflette anche nella suddivisione dell’edificio: oltre alle 203 camere Moxy, nel Moxy Vienna City East si trovano anche 43 appartamenti long stay gestiti da Residence Inn by Marriott.

L’hotel si trova a Neu Marx, un’area di sviluppo urbano viennese che ospita anche la Marx-Halle, un tempo un imponente mercato coperto per bovini, oggi un’importante sede di eventi, tutelata dalla Sovrintendenza ai monumenti. Il Duomo di Santo Stefano si trova a sole cinque fermate di metropolitana (linea U3). Nelle immediate vicinanze nei prossimi anni si costruirà un nuovo palazzetto per concerti ed eventi sportivi, con una capienza di 20.000 persone.

Moxy Vienna City East, Nottendorfergasse 13, www.moxy-hotels.marriott.com

[Contributo di Wien Tourismus]

NELLA FOTO, la sala da bagno di una delle suite dell’O11Boutique hotel.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/austriavicina.