Venerdì 14 Giugno 2024

Un alpinista slovacco di 41 anni è morto, precipitando per 200 metri dal Kleiner Reisskofel. La sua compagna, di 35 anni, ha assistito alla tragedia, senza poter far nulla. I due avevano raggiunto la vetta, a quota 2.136 metri, e stavano scendendo per il versante occidentale, quello rivolto verso la cima più alta del Reisskofel (2.371 metri). Il tracciato presenta modeste difficoltà tecniche, ma è molto esposto. Questo significa che lo si può percorrere facilmente, ma sempre con grande cautela. Della serie: vietato inciamparsi. Sembra che a un certo punto della discesa lo slovacco abbia perso l’equilibrio, cadendo per 200 metri sul versante nord, che da valle si presenta con una poderosa parete verticale.

La compagna ha dato subito l’allarme e si è levato in volo l’elicottero C7 del soccorso alpino. A bordo c’era un medico, che tuttavia non ha potuto far altro che accertare la morte dell’alpinista.

Il Reisskofel è il monte più alto della Gailtaler Alpen, che separa la valle del Gail (a sud) da quella della Drava. Il Kleiner Reisskofel, di duecento metri più basso, gli sta ad est. Dallo spartiacque carnico sembra un unico massiccio roccioso e lo si nota facilmente, perché tutto attorno i monti sono più bassi e boscosi fino alla cima. Le vie di salita non devono essere prese sottogamba, ma non presentano eccessive difficoltà, anche perché i tratti più esposti sono protetti da cavi a cui ci si può ancorare.

__________________________

Austria vicina è anche su Facebook. Clicca “mi piace” alla pagina

https://www.facebook.com/austriavicina